Author: Manuela La Ferla

Una questione di stile

Regina degli uffici stampa, grande nuotatrice (e amica), vorrei poter dire subito che questa non è una recensione e che personalmente devo molto a Valentina Fortichiari, in primis la felicità che mi ha sempre regalato avere la sua stima. Quando arrivai in Longanesi conoscevo già Valentina perché scrivendo un po’ sui giornali, la Fortichiari era il riferimento princeps per i contatti con autori ed editori. Correva voce che non fosse facile andare d’accordo con lei in qualità di editor delle case editrici che magistralmente rappresentava. Quindi sì, confesso che un po’ la temevo.  Invece, come accade tra persone che si riconoscono e rispettano, avvenne il miracolo (per me). Forse fu solo onesta e sincera, reciproca simpatia. Non so, posso solo dire che ho imparato tantissimo standole a fianco. L’ho vista sempre defilata in occasioni pubbliche che aveva peraltro organizzato in modo perfetto, mai seduta nelle prime file durante le presentazioni, sempre attenta a un milione di particolari, compresi i gusti alimentari e le non poche idiosincrasie degli autori da portare in giro per l’Italia in …

Svevo al femminile

Della scrittura di Silvia Cassioli mi sono innamorata in un istante. Ricordo ancora l’attacco fulminante del suo primo testo letto e un canovaccio enorme dove, in odor di strutturalismo, aveva incasellato la vita dei suoi personaggi. Silvia è una sorta di Svevo alle prese con i suoi Zeno, Alfonso ed Emilio. E non sto esagerando. Ha una dedizione assoluta per la parola e un’incredibile sensibilità letteraria. E poi scrive in modo, posso dirlo? Sublime. Ci sono lingue che arrivano subito. Arriva il suono prima ancora del senso. La frase si compone come musica nella testa e tu pensi: “Ecco, un vero autore”. Da poco è uscito il suo libro: Il figliolo della Terrora, per la casa editrice Exorma che pubblicherà anche i prossimi. È un libro ricco di personaggi soprattutto femminili, che si esprimono in un suadente e seducente toscano e sono tutti legati a filo doppio tra loro. La Rosina Terrosi, la Terrora del titolo, nasce nel 1926, suo figlio Omero nel luglio 1948, il giorno del compleanno di Togliatti, insieme a loro conoscerete …

Editor, editore

«Quante cose succedono nelle bozze» Il brano qui riportato è apparso nella prima pubblicazione non in distribuzione (Gratis et Amore avrebbe scritto Formiggini) di un nuovo Editore: Acquario che sono particolarmente felice di presentare al mio piccolo pubblico di lettori. Il volumetto, denso di contenuti incentrati tutti sull’Editoria e sull’errore, il gioco, la “svista”, gode di un’eccezionale curatela editoriale/tipografica come non era dato di incontrare più da tempo. Disegnato con eleganza dalla grafica Paola Lenarduzzi, sorvegliato da Roberto Carretta è: Banda Larga, Acquario, Acquario, Torino, 2019. Nello stesso compaiono – tra gli altri – brevi e illuminanti saggi di: Stefano Bartezzaghi, Marco Belpoliti, Edoardo Camurri, Giulia Vola e Francesco M. Cataluccio. Il contest, per usare un termine quantomai appropriato in questo caso, ha anche una sua doppia faccia musicale, alias un Soundtrack Acquario dove troverete in primis la coppia Lennon – McCartney, poi G. Harrison, Bob Dylan, The Beatles e i Pink Floyd, in omaggio agli inventori di nuovi mondi e con l’invito esplicito ad «assumersi un rischio, ad allargare lo sguardo». Un disegno inedito di …

La (mia) Maga Circe

La prima volta che ho incontrato Sandra Petrignani eravamo a Roma, intorno a un tavolo ovale stile Einaudi, correva l’anno 1992 ed era un mercoledì. Lei al tempo era già una nota giornalista culturale, la Casa editrice si chiamava Theoria e avevo lasciato Milano per approdare in quella che al tempo era una fucina meravigliosa di Narrativa italiana contemporanea. Oso dire che fu amicizia a prima vista. Da lì in poi ho letto e amato tutti i suoi libri. Lo stile acuto e preciso, senza mai essere pesante, la sua capacità di far rivivere con brevi tratti mondi e scrittori che appartengono all’immaginario di noi tutti e a cui lei riesce a ridar vita come per incanto. La sua capacità narrativa che rapisce e regala emozioni autentiche e intense. Ho molti ricordi, anche personali, legati a Sandra, la prima edizione de Il catalogo dei giocattoli, con uno scritto di Giorgio Manganelli, mio padre lo mise in vetrina nel suo negozio di giocattoli antichi a due passi da Ponte Vecchio. Dei libri della Petrignani ho amato …

L’ordine dei libri

In una recente lezione a Fenysia, Scuola di Linguaggi di Firenze ideata da Alba Donati, il Presidente del Centro per il Libro e la Lettura Romano Montroni – un Maestro – ha ricordato agli allievi del Corso di Editoria e Comunicazione che nelle Librerie italiane l’ordine dei libri in esposizione per Autore, è storia recente. Fino al 2003 vigeva – e ancora vige nelle piccole Librerie indipendenti – una disposizione interna per Editore. Senza entrare troppo nel merito, vorrei approfittarne per una piccola riflessione. Ho notato che i cosidetti Millennial e ancor più i loro fratelli più giovani, quando scelgono un libro non hanno alcuna fidelizzazione per Editore, un punto di vista preciso che ha viceversa contraddistinto intere generazioni prima di loro. Per chi frequentava l’Università negli anni Ottanta e Novanta era assolutamente naturale cercare libri che appartenessero “fisicamente” a una Casa editrice piuttosto che a un’altra. Lo so che oggi sembrano storie antiche e in qualche modo lo sono, ma è (anche) così che si sceglievano i libri. Erano tempi senza social, senza mail, senza altri rumori che quelli amati delle parole lette, recitate …

Saper raccontare la Storia

In Italia, l’alta tradizione saggistica di divulgazione storica alla maniera anglosassone è più un’aspirazione che una consolidata realtà editoriale. La capacità di raccontare la Storia, attirando il lettore dentro le pieghe del reale, facendo vedere e mostrando come in presa diretta le vicende storiche narrate è arte rara. Tanto più se il periodo storico di riferimento è altrimenti indagato da romanzi o filmografia dedicata, come nel caso della Firenze dei Medici che riserva incredibilmente ancora campi di indagine scoperti. È stata quindi una bellissima sorpresa incontrare la «voce» di Ippolita Morgese, che forse anche grazie alla sua lunga militanza professionale a New York o per sua attitudine da paleografa, è riuscita con misura ed eleganza a intessere fatti e notizie con uno stile pacato, ma sempre accativante. Il suo libro su Carlo Pitti, artefice princeps del Ghetto di Firenze (1571), su cui nulla prima esisteva in italiano, non è solo un libro importante e unico, ma anche un racconto piacevolissimo che accompagna con garbo il lettore tra storie, genealogie, intrighi, affari, strade, piazze e momenti della Firenze rinascimentale. Quando si dice «scoprire un Autore». Ippolita Morgese, Nessuno …

Dalla parte del testo

Ci sono editor che stanno dalla parte dell’editore, editor che stanno dalla parte dell’autore, e c’è chi, come Casa dell’autore, sta sempre dalla parte del testo. Tranne eccezioni, questo è un tipo di lavoro che paradossalmente non si fa più, spesso per assoluta mancanza di tempo, in casa editrice. L’autore e la sua scrittura sono diventati elementi quasi marginali di un quadro dove la “cornice” (comunicazione, marketing, promozione, immagine, Premiopoli) ha ormai preso il sopravvento. Ed è questo uno dei nostri obiettivi: riportare l’attenzione sul testo.

Una passeggiata con l’autore

L’editing, arte rara e difficile, fiorisce ovunque, quasi fosse una pratica di cui poter abusare con leggerezza. Ma il punto non è mai scrivere un libro, il punto è cercare di capire se, dove e come poter intervenire.  Casa dell’autore propone una modalità di lavoro forte di trent’anni di esperienza editoriale. Fiducia reciproca e un clima piacevole come una passeggiata. Qualcuno che cammina a fianco dell’autore, non lo precede e non lo segue: lo accompagna. Una vera e propria mediazione editoriale fuori dalle case editrici, un lavoro che rimette al centro il testo, nel rispetto per i tempi e i modi della scrittura dell’autore. Il pensiero uccide l’ispirazione, lo stile vincola il pensiero, la scrittura ripaga lo stile. – Walter Benjamin

Luoghi non comuni

Vero o falso? Sono tanti i luoghi comuni da sfatare sul mestiere dell’editor. Vero: Un autore affermato può avvantaggiarsi del lavoro di un editor professionista. Anzi, sono proprio gli scrittori che hanno già un editore di riferimento a rivolgersi a Casa dell’autore. Perché? Perché per ogni libro serve arte mimetica, dedizione, esperienza e una buona dose di psicologia. Serve talento da entrambe le parti. Falso: L’autore che non trova l’editore, ha bisogno dell’editor per trovarlo. Perché? Perché se un testo non funziona un editor non dovrebbe lavorarci. Falso: A chi scrive importa solo di raggiungere più lettori possibile. Perché? Perché in realtà l’autore è sempre più solo, alla fragilità e alla qualità di uno scrittore non pensa più nessuno. Vero: L’editing aiuta il testo a crescere, rispettandolo. Perché? Perché esiste un punto esatto e non negoziabile in cui il testo diventa ciò che essenzialmente è. Oltre diventa accanimento redazionale e bisogna sapersi fermare. Falso: I libri sono prodotti editoriali, a contare ormai è più il “pacchetto” che il suo contenuto. Perché? Perché i libri sono …

Per Giovanni Falcone

Caro Giovanni Falcone, Sono le 17,48 del 23 maggio. 26 anni fa ero come tanti al Salone del libro di Torino, quando accadde. Capaci è ormai per tutti noi il luogo della strage in cui tu, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta (tranne Giuseppe Costanza che si salvò), perdeste la vita. Al tempo ignoravo perfino che esistesse, Capaci. Ignoravo molto altro del resto e a girarsi indietro, oggi, sembra siano passati molti più anni da allora. Anche noi che in Sicilia ci eravamo nati, anzi forse soprattutto noi, vivevamo come se la Mafia non ci appartenesse, non fosse un problema nostro intendo. Ricordo i primi cortei con i lenzuoli bianchi, i ragazzi di ieri che eravamo noi, sfilare in silenzio, ricordo lo sdegno che fece l’Italia unita come non mai, il dolore raddoppiato e indicibile per Borsellino e gli uomini della sua scorta, il 19 luglio dello stesso anno. Mi chiusi in Biblioteca Nazionale a Firenze quell’estate. Per una strana deformazione professionale sono sempre stata abituata a partire dalle carte, dai libri. Fu come entrare in un oceano, facevo continuamente i conti con …